Programmazione Cinema Italia dal 27-03 al 02-04

Questione di karma di  E. Falcone
Giacomo è il primogenito di una famiglia molto facoltosa. Quand’era bambino il padre ha commesso suicidio, lasciando un vuoto che il figlio ha cercato di colmare con studi approfonditi e un’attrazione verso l’esoterismo. Quando un guru gli comunica che il padre si è reincarnato in un certo Mario Pitagora, Giacomo, senza porsi troppe domande, va alla ricerca dell’uomo che dovrà dare un senso e una direzione alla sua vita. Ma Mario è tutto fuorché un padre modello: un imbroglione da quattro soldi pieno di debiti e alienato da moglie e figli.
Dopo il successo del suo lungometraggio di esordio alla regia, Se Dio vuole, Edoardo Falcone torna a proporre una coppia di uomini apparentemente incompatibili e in realtà complementari.
Quel che è interessante, nel caso di Questione di karma, è che il crinale che divide i due è qui costituito dal denaro, terzo protagonista e motore immobile non solo della trama del film, ma della nostra contemporaneità: Giacomo ne ha moltissimo e non sa cosa farsene, Mario cerca continuamente di procurarselo ma non riesce a trattenerlo. Entrambi sono agìti da forze economiche, l’uno perché il lusso in cui è cresciuto, e di cui è beneficiario ma non artefice, gli ha impedito di assumere la guida della propria vita, l’altro perché i miraggi di guadagno facile lo lasciano sprovvisto dei mezzi concreti per occuparsi di sé e della sua famiglia.
Sotto le mentite spoglie della commedia classica in cui uno dei protagonisti cerca di truffare l’altro, in realtà (e forse anche oltre le intenzioni del regista) Questione di karma racconta il modo in cui il denaro ha polarizzato e depotenziato il maschile nel mondo di oggi, dividendo gli uomini fra quelli che cercano di prescinderne, inventandosi una spiritualità “Occidentali’s karma”, e quelli che ne sono schiavi, condannandosi ad una perpetua rincorsa. Non è un caso che l’unico personaggio che sa gestire con misura e intelligenza il possesso economico (e sa generarlo) sia la sorella di Giacomo, Ginevra, che sfugge allo stereotipo della donna in carriera fredda e arrivista per rivelarsi ruolo atavicamente femminile: la levatrice.
La tartaruga rossa di  Michael Dudok de Wit
1 candidatura ai Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Cannes e 1 candidatura ai Cesar.
Scampato a una tempesta tropicale e spiaggiato su un’isola deserta, un uomo si organizza per la sopravvivenza. Sotto lo sguardo curioso di granchi insabbiati esplora l’isola alla ricerca di qualcuno e di qualcosa. Qualcosa che gli permetta di rimettersi in mare. Favorito dalla vegetazione rigogliosa costruisce una zattera, una, due, tre volte. Ma i suoi molteplici tentativi sono costantemente impediti da una forza sotto marina e misteriosa che lo rovescia in mare. A sabotarlo è un’enorme tartaruga rossa contro cui sfoga la frustrazione della solitudine e da cui riceve consolazione alla solitudine.
La tartaruga rossa debutta con una tempesta in alto mare. Onde gigantesche frangono con furore lo schermo. Un naufrago è al cuore di quel movimento poderoso. Tra l’uomo e la natura si scatena una guerra ineguale. Il motivo è dato ma il sontuoso film d’animazione di Michaël Dudok de Wit si prende tutto il tempo per rovesciarlo nel suo contrario: un’emozionante storia di riconciliazione e di fusione amorosa. Perché quella che dispiega La tartaruga rossa è una forza misteriosa, qualche volta accogliente e qualche altra riluttante, qualche volta impassibile, qualche altra instabile.
Non siamo davanti all’ennesima storia esotica in cui la natura è mera riserva di accessori a disposizione dell’ingegnosità dell’uomo. Al principio l’uomo fa l’uomo e crede alla chimera di una conquista. Si accanisce, costruisce una zattera di fortuna ma il mare non lo lascia partire. Dieci, cento volte prova a prendere il largo, altrettante è affondato da una presenza enigmatica e invisibile. Ma l’ultimo tentativo gli rivela l’apparenza del suo avversario e la consapevolezza di essere (una) parte del tutto. Frustrati nelle attese e nelle abitudini di spettatori, torniamo a riva, esploriamo col protagonista i luoghi, sperimentiamo la dolcezza dei frutti e la furia brutale delle piogge tropicali, precipitando nel fondo di un crepaccio e rialzandoci perché film e vita possano continuare. Nel modo della natura. Natura con cui il regista stabilisce un legame carnale. Spettatore e protagonista aspettando sulla riva che il tempo scorra, volgendo il punto di vista e scoprendo essenziale quello che credevano ornamentale: i flussi e riflussi della corrente marina, il ritmo dei giorni, il mutare delle stagioni. L’uomo non colonizza quel territorio edenico e selvaggio, niente capanna come avrebbe fatto Robinson Crusoe. Sull’isola tutto resta inviolato, l’uomo è solo di passaggio, una parentesi breve dinanzi all’età dell’universo.
Animato a mano con acquerello e carboncino, La tartaruga rossa respira con la natura e parla la sua lingua. Senza dialoghi, questo racconto contemplativo si esprime attraverso la luce cangiante, il fragore di un temporale, lo schianto di un tuono, lo scroscio di una corrente di acqua dolce, il crepitio del fuoco, l’infrangersi delle onde, il fruscio delle foglie. Il supplemento di animismo giapponese tradisce l’influenza dello Studio Ghibli, l’afflato e la partecipazione di Isao Takahata e Hayao Miyazaki, sedotti dai lavori dell’autore olandese (The Monk and the Fish, Father and Daughter), percorsi da una malinconia tenace che dice della fuga del tempo, degli anni che passano sul bordo del fiume o su un’isola in mezzo al mare.
La tartaruga rossa è un’opera semplice e metaforica che disegna la vita attraverso le sue tappe (ostacoli, scoperte, solitudine, amore, genitorialità, vecchiaia, morte) ed esprime un rispetto profondo per la natura e la natura umana, veicolando un sentimento di pace e ammirazione davanti al suo mistero. Rivelazione sospesa tra terra e mare, tra l’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo, La tartaruga rossa è drammatizzato con la sola forza del disegno, dei colori, dei movimenti, della musica che interpreta e amplifica la purezza delle linee.
Tra oriente e occidente si realizza il sogno di un disegnatore solitario che si spinge per la prima volta al di là dei limiti del formato corto, confermando i suoi racconti lineari su cui dispone motivi circolari, l’infinito ripetersi del tempo. Luogo di una vita a due e poi a tre, un bambino nasce da quell’unione, l’isola ospita l’avventura umana eludendo il pamphlet ecologista e sottolineando l’incapacità dell’uomo a vivere da solo. Che si tratti di un’allucinazione del protagonista o della volontà della tartaruga, la metamorfosi dell’animale rinvia al bisogno della vita in comunità, all’esigenza di istituire un sistema sociale, anche elementare come quello della famiglia. L’autore tacita la parola, concentrandosi sul linguaggio dell’azione e del corpo, preponendo i nostri complessi istinti primari. Gli stessi che spingono una tartaruga che nasce sulla spiaggia a dirigersi verso il mare.
Più dalle parti di Rousseau che di DefoeLa tartaruga rossa è poesia meditativa accomodata tra la foresta magica della Principessa Mononoke e l’oceano di Ponyo. Da qualche parte, lungo i tropici del capolavoro.
 
Il diritto di contare di  T. Melfi
Nella Virginia segregazionista degli anni Sessanta, la legge non permette ai neri di vivere insieme ai bianchi. Uffici, toilette, mense, sale d’attesa, bus sono rigorosamente separati. Da una parte ci sono i bianchi, dall’altra ci sono i neri. La NASA, a Langley, non fa eccezione. I neri hanno i loro bagni, relegati in un’aerea dell’edificio lontano da tutto, bevono il loro caffè, sono considerati una forza lavoro flessibile di cui disporre a piacimento e sono disprezzati più o meno sottilmente. Reclutate dalla prestigiosa istituzione, Katherine Johnson, Dorothy Vaughan e Mary Jackson sono la brillante variabile che permette alla NASA di inviare un uomo in orbita e poi sulla Luna. Matematica, supervisore (senza esserlo ufficialmente) di un team di ‘calcolatrici’ afroamericane e aspirante ingegnere, si battono contro le discriminazioni (sono donne e sono nere), imponendosi poco a poco sull’arroganza di colleghi e superiori. Confinate nell’ala ovest dell’edificio, finiscono per abbattere le barriere razziali con grazia e competenza.
La qualità più grande del film di Theodore Melfi è quella di sfogliare una pagina sconosciuta della NASA. Pagina ‘bianca’ coniugata fino ad oggi al maschile. Se la storia, il contributo delle scienziate afroamericane alla conquista dello spazio, è una novità, la maniera di raccontarla è convenzionale ma non per questo meno appassionante.
Il diritto di contare mette in scena efficacemente il razzismo e il sessismo ordinario dei bianchi, concentrandosi sui drammi silenziosi che muovono la Storia in avanti. Suscettibile di incontrare il favore di un largo pubblico, Melfi sa bene quando spingere l’emotività dislocando lo sguardo sul romance di Katherine e James, Il diritto di contare segue la storia dell’esplorazione spaziale americana attraverso lo sguardo di tre eroine intelligenti e ostinate che hanno cambiato alla loro maniera il mondo. Hanno doppiato la ‘linea del colore’, inviato John Glenn in orbita e Neil Armstrong sulla Luna.
Raffello. Il principe delle arti. di  L. Viotto
Dopo il successo dei primi 3 film, Sky e Nexo Digital, in collaborazione con i Musei Vaticani, e con Magnitudo Film, presentano il quarto film d’arte per il cinema: Raffaello – il Principe delle Arti, la prima trasposizione cinematografica mai realizzata su Raffaello Sanzio (1483-1520).
Raffaello – il Principe delle Arti, prodotto da Sky, con Sky Cinema e Sky Arte, segue il percorso tracciato dai 3 precedenti progetti, con un ulteriore apporto innovativo che pone l’accento su un aspetto ancora più cinematografico: è un connubio tra digressioni artistiche, affidate a celebri storici dell’arte, raffinate ricostruzioni storiche, che garantiscono un coinvolgimento intimo ed emotivo, e le più evolute tecniche di ripresa cinematografica in UHD per un’esperienza visiva totalizzante e coinvolgente. La digressione artistica partira` da Urbino (città natale di Raffaello) passando per Firenze, per approdare a Roma e in Vaticano, al contempo apice ed epilogo del folgorante percorso artistico di Raffaello: un totale di 20 location e 70 opere, di cui oltre 30 di Raffaello, raccontate attraverso molteplici esclusive e punti di vista inediti. La digressione artistica sara` affidata al commento autorevole ed appassionato di tre celebri storici dell’arte: Antonio Paolucci, Antonio Natali e Vincenzo Farinella.
Le ricostruzioni storiche, ispirate a dipinti dell’800 che testimoniano frammenti di vita di Raffaello, rappresentano istantanee della vita dell’artista, momenti delicati ed evocativi capaci di coinvolgere emotivamente lo spettatore introducendolo nei capitoli di digressione artistica.
A dare il volto a Raffaello Sanzio nelle ricostruzioni storiche sarà l’attore e regista Flavio Parenti. La Fornarina, la donna amata dall’artista, sara` interpretata da Angela Curri, mentre Enrico Lo Verso darà il volto a Giovanni Santi e Marco Cocci a Pietro Bembo. Scenografia e costumi sono stati curati da due eccellenze del cinema italiano, rispettivamente Francesco Frigeri e Maurizio Millenotti..

Programmazione Cinema Italia dal 20-12 al 25-12

IL MAGO DI OZ di  V. Fleming
Dorothy vive in una fattoria del Kansas. Improvvisamente un terribile tornado si abbatte su di lei, trascinandola insieme alla sua casa e al suo cane Toto nel mondo del mago di Oz. Qui tutto è bellissimo, ma la piccola Dorothy vuole lo stesso ritornare a casa al più presto…
Il vero film di Natale, la prima e indimenticata fiaba in Technicolor, finalmente da vedere come era stato progettato. Dorothy, l’uomo di latta, lo spaventapasseri e il leone in viaggio verso il mondo di Oz al suono di Over the Rainbow.
“E’ una graziosa favola, raccontata con garbo e con spirito. Regia accurata, uso sapiente di effetti speciali, buona interpretazione, ottima fotografia.” (‘Segnalazioni cinematografiche’, vol. 26, 1949).
LO SCHIACCIANOCI di  Jean-François Laguionie
Il Balletto del Bolshoi: Lo Schiaccianoci” è una nuova messa in scena della famosa opera coreografata da Marius Petipa e musicata da Pyotr Ilyich Tchaikovsky. La prima assoluta de “Lo Schiaccianoci” avvenne nel 1892 al Teatro Mariinsky di San Pietroburgo. Fu l’ultimo balletto musicato dal grande Pyotr Ilyich Tchaikovsky ed è uno dei più importanti di tutti i tempi. Come per il precedente “La Bella Addormentata”, Marius Petipa tornò a coreografare i balletti.
La versione messa in scena esclusivamente per il Bolshoi da Yuri Grigorovich si rifà al movimento romantico e all’idealismo. Insieme a “Spartacus” e a “Ivan il Terribile” fa parte dei grandi balletti classici del ventesimo secolo plasmati dal grande coreografo, direttore artistico del Bolshoi Ballet fino al 1995. Al cinema si potrà assistere nuovamente alla battaglia tra topi e soldatini di piombo, che lotteranno per salvare la piccola Marie guidati da un magico schiaccianoci intagliato a forma d’uomo.
PAW PATROL di  AA.VV.
Dopo Peppa Pig e Masha e Orso, arrivano al cinema con sei nuovi episodi inediti i cuccioli piu` famosi della tv. Preparatevi alle avventure di Marshall, Ryder e i loro super amici.
Ep.1 I cuccioli salvano Danny X, Ep.2 Il robo-cucciolo riparatore, Ep.3 I cuccioli salvano 3 porcellini, Ep.4 I cuccioli salvano un drago, Ep.5 I cuccioli salvano gli orsi polari – Ep.6 Un cucciolo vestito da pecora.
LE STAGIONI DI LOUISE di  Jean-François Laguionie
Alla fine dell’estate, l’ultimo treno della stagione parte dalla località balneare di Biligen, lasciando dietro di sé Louise, tenera vecchina. La città è ormai deserta e Louise si trova completamente sola, fatta eccezione per un cane parlante. In un contesto che si fa sempre più surreale, Louise torna a rivivere la sua infanzia e i momenti più significativi della sua vita, rileggendoli con occhi nuovi.
FLORENCE di  S. Frears
New York, 1944. Florence Foster Jenkins è una melomane facoltosa che si crede dotata per il canto. Fiaccata da una malattia che cova dietro le perle e nella penombra della sua stanza, Florence decide di perfezionare il suo ‘talento’ con un maestro compiacente. Perché marito ed entourage hanno deciso di tacitare la sua mediocrità. Cantare per Florence non è un capriccio ma una terapia che le permette di vivere pienamente, ricacciando i fantasmi. Ma quello che doveva essere un trastullo colto per apprendere il repertorio classico, diventa il desiderio incontenibile di trovare un palcoscenico. Maestro e consorte si prestano al gioco e l’accompagnano, uno al piano, l’altro in attesa dietro le quinte, sulle tavole celebri della Carnegie Hall. Nella speranza che il concerto non volga in fiasco.

 

 

Programmazione Cinema Italia dal 07-11 al 11-12

PALLE DI NEVE (snowtime) di F. Brisson
Sophie e la sorellina Lucie si sono appena trasferite in un piccolo villaggio canadese, ricoperto dalla neve. Di ragazze con cui fare amicizia se ne vedono poche all’orizzonte e i maschi, ai loro occhi, sembrano non essere meno noiosi e incomprensibili dei maschi della loro età un po’ ovunque. L’inizio delle vacanze invernali porta però una novità. Si decide di organizzare una vera e propria guerra di palle di neve, che durerà per le due settimane di chiusura della scuola. Luc e Sophie, entrambi undicenni, si ritrovano, quasi senza volere, a capo di due agguerritissime squadre avversarie, in lotta per occupare un fortino. Ma la battaglia viene presa troppo sul serio, e serie si fanno le sue conseguenze, costringendo i bambini a rivedere il loro comportamento.
FAI BEI SOGNI di M. Bellocchio con V. Mastandrea
Storia di una difficile ricerca della verità e allo stesso tempo la paura di scoprirla. La mattina del 31 dicembre 1969, Massimo, nove anni appena, trova suo padre nel corridoio sorretto da due uomini: sua madre è morta. Massimo cresce e diventa un giornalista. Dopo il rientro dalla Guerra in Bosnia dove era stato inviato dal suo giornale, incontra Elisa. La vicinanza di Elisa aiuterà Massimo ad affrontare la verità sulla sua infanzia ed il suo passato.
“(…) Bellocchio è un regista capace di accensioni folgoranti più che un vero narratore, o meglio racconta proprio attraverso immagini capaci di condensare in un lampo tutto un mondo, un conflitto, una vertigine interiore. Così, emoziona quando intreccia il destino di Massimo a incontri brevi ma decisivi, come quello con il professore-sacerdote che gli dà una sonora lezione di vita, il sempre magnifico Roberto Herlitzka; o quello, notturno e avventuroso, con l’innominato ‘presidente’ (…). Ma segna un po’ il passo quando il povero Massimo (…) viene lasciato solo con i suoi fantasmi (Belfagor, terrificante serie tv anni 60), con i ricordi della madre (l’inedita e intonatissima Barbara Ronchi), o con quel padre reticente e bugiardo (…). Come se questa storia così vera e così vicina finisse per inibire un regista (pensiamo a ‘Buongiorno, notte’), abituato alla più totale inventiva e libertà.” (Fabio Ferzetti, ‘Il Messaggero’, 13 maggio 2016).
BIANCA & GREY E LA POZIONE MAGICA di  A. Galat
In una lontana terra magica, in un piccolo villaggio pittoresco immerso tra prati verdi e dolci colline, vive un gregge di pecore. Ma la loro vita viene interrotta quando un branco di lupi si accampa in un burrone nelle vicinanze. In conformità con le antiche tradizioni, il capobranco Magra annuncia che il suo futuro successore dovrà mostrarsi il più forte tra i suoi rivali. Quando il potente e sanguinario Ragear si fa avanti, l’unico lupo con il coraggio di sfidarlo è Grey, il favorito del branco, ma goffo e senza speranze. Per diventare un leader e conquistare l’amore di Bianca, Grey si reca nel bosco, dove scopre un campo di conigli. È qui che il coniglio indovino Mami gli dà una pozione magica. Grey beve la pozione e torna alla tana dei lupi, ma al suo arrivo scopre di essere stato trasformato in… un ariete!.
AGNUS DEI di A. Fontaine
Polonia, dicembre 1945. Mathilde Beaulieu, giovane collaboratrice della Croce Rossa responsabile dei sopravvissuti francesi prima del loro rimpatrio, viene chiamata a prestare soccorso a una suora polacca. Riluttante sulle prime, Mathilde infine accetta di seguirla nel convento di suore benedettine in cui, lontano dal mondo che le circonda, vivono una trentina di religiose. Qui, Mathilde scoprirà che molte di loro sono state sottoposte a violenze carnali da parte di soldati sovietici e che sono in procinto di partorire. A poco a poco, l’atea e razionalista Mathilde svilupperà una complessa relazione con queste suore saldamente fedeli alle regole della loro vocazione….
“(…) è un film intenso e vigoroso che Anne Fontaine ha girato avendo intercettato la vera storia di Madeleine Paulia – conservata in alcuni appunti -, medico ufficiale delle Forze interne francesi nominata nell’aprile del 1945 primario all’ospedale francese di Varsavia e in forza alla Croce Rossa, con duecento missioni svolte in territorio polacco. In queste circostanze ebbe modo di scoprire l’orrore degli stupri perpetrati dai russi, che non avevano risparmiato di abusare per giorni anche di quelle monache, lasciandone sette incinte. (…) La regista, con squisita sensibilità femminile e assoluto rispetto per un tema così forte e doloroso – sono perfetti, talvolta strazianti, i dialoghi, e delicatissimi, sofferenti i volti delle consacrate – si mette a lato di Mathilde, conservandone lo stupore e l’angoscia (…). E senza tesi dimostrative: lo spettatore attento non può che entrare in sintonia profonda con quei volti di donne – sono tutte eccezionali le attrici – e con le domande, alcune senza risposta, che le monache e il medico si pongono. Passando dall’oscurità alla luce (…).” (Luca Pellegrini, ‘Avvenire’, 10 aprile 2016).

Programmazione Cinema Italia dal 31-10 al 06-11

lunedì 31 ottobre:
ore 18.30 – PETS VITA DA ANIMALI (€ 4)
ore 21 – QUALCOSA DI NUOVO
martedì 1 novembre:
ore 16.00 – PETS VITA DA ANIMALI (€ 4)
ore 18.15 – QUALCOSA DI NUOVO
ore 20.30  – QUALCOSA DI NUOVO
mercoledì 2 novembre:
ore 18.30 e 21 – LES SOUVENIRS (cineforum – ingresso € 4)
sabato 5 novembre:
ore 18.30 – TROLLS
ore 21 – LA PELLE DELL’ORSO
domenica 6 novembre:
ore 16.00 – TROLLS
ore 18.15 e 20.30 – LA PELLE DELL’ORSO
martedì 8 novembre:
ore 18.30 – LA PELLE DELL’ORSO
ore 20.30  – L’ETA’ DELL’ORO (dal Bolshoi di Mosca il balletto al cinema – ingresso € 10) – evento registrato a Mosca il 16 ottobre 2016
mercoledì 9 novembre:
ore 18.30 e 21 – EDDIE THE EAGLE (cineforum – ingresso € 4)

PETS VITA DA ANIMALI di C. Reanud
Il cane Max vive in massima serenità il suo tran tran con la padrona, almeno finché questa non torna a casa con l’enorme Duke, salvato da un canile: dovrà convivere con lui d’ora in poi. L’inevitabile tensione trasforma il primo giorno in un disastro colossale: Max e Duke si ritrovano lontanissimi da casa, mentre i cani loro amici (tra cui l’innamoratissima Gidget) cercano di raggiungerli, e una banda di animali selvatici nascosti nelle fogne, capitanati dal folle coniglio Nevosetto, vuole la loro pelle.
Non c’è dubbio quindi che lo spettacolo valga il prezzo del biglietto, ma proprio il paragone con quello stile d’antan evidenzia l’unico vero limite di Pets: nell’horror vacui di una sceneggiatura e di una regia che hanno paura di rallentare e di lasciarci accarezzare i simpatici quadrupedi, il film è ricolmo di simpatia, ma è scarso in tenerezza, dolcezza ed empatia. Il rischio è che, trasformando un film in un otto volante giullaresco, si metta a repentaglio la capacità dei migliori personaggi animati di mettere radici nel cuore.
QUALCOSA DI NUOVO di C. Comencini
Cristina Comencini torna alla regia con Qualcosa di nuovo, libero adattamento di una sua pièce teatrale di successo, La scena, portando al cinema questa storia tutta al femminile, fatta di due amiche quarantenni in crisi sentimentale che ritrovano smalto e vigore dopo l’entrata in scena di un amante diciannovenne.
Tratto dallo spettacolo teatrale La scena e alla cui sceneggiatura hanno collaborato anche Giulia Calenda e Paola Cortellesi che ne è anche una delle protagoniste, Qualcosa di nuovo porta al cinema l’amicizia tra Lucia e Maria (Micaela Ramazzotti), due donne, quarantenni, diametralmente opposte ma per questo indispensabili l’una per l’altra che vivono, per due motivi differenti,  una crisi sentimentale. Un giorno a rivoluzionare le loro vite arriva Luca (Eduardo Valdarnini), 19enne in cerca della propria strada,  che farà riscoprire ad entrambe le due donne un po di loro stesse che col tempo avevano perso.
LES SOUVENIRS di J-P. Rouve
Romain ha ventitré anni, il sogno di scrivere, una ragazza da innamorare e una nonna da amare. Confusa e sola dopo la morte del consorte, la nonna di Romain viene ‘ricoverata’ dai figli in una casa per anziani a cui ‘reagisce’ digiunando e ripiegandosi nei suoi ricordi. Irrequieta e decisa a risalire il suo passato, la donna scappa dal ricovero imposto e getta in ambasce i tre figli. Ma Romain non si scoraggia, seguendo le tracce e una cartolina che lo conducono a Étretat. Il viaggio alla ricerca della nonna perduta diventa per il nipote un debutto alla vita e il prologo al suo romanzo più bello.
Les Souvenirs, adattamento del romanzo omonimo di David Foenkinos, è un feel-good movie alla francese, un inno al tempo che passa, alla giovinezza, alla senilità e a tutto quello che scorre tra le due stagioni della vita. Investigatore del proprio passato e delle leggende che hanno fondato la sua storia, la sua famiglia, il suo avvenire, il giovane protagonista intraprende un viaggio nei ricordi della propria nonna che la guerra strappò alla scuola e a una vita che aveva appena imparato a conoscere. Diretto da Jean-Paul Rouve, autore di un cinema delicato che combina malinconia e sorriso, Les Souvenirs non ha niente di rivoluzionario ma è impossibile da dimenticare perché svolge una trama minimale in cui ciascuno può riconoscersi. Perché espone, ancora e soprattutto, le cose della vita, quelle con cui ci confrontiamo ogni giorno e quelle con cui prima o poi tutti facciamo i conti: la difficoltà di comprendere i propri genitori, quella di afferrare i propri figli, l’amore coniugale, la vecchiaia, la pensione, il desiderio di creare, la bellezza dell’azzardo..
TROLLS di M. Mitchell
È il progetto DreamWorks più atteso dell’anno ed è anche tra i più misteriosi. Finora infatti non era trapelata alcuna immagine di Trolls che ci facesse capire qualcosa di più su questo adattamento cinematografico ispirato ai celebri bambolotti danesi dotati di folte chiome coloratissime.
Trolls è già stato descritto come una commedia musicale che racconterà le origini di questi strani personaggi e di come hanno ottenuto le loro vivaci e colorate capigliature.
La commedia musicale  “Trolls“, distribuita dalla 20th Century Fox, uscirà nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 27 ottobre 2016. Il nuovo film di animazione diretto da Mike Mitchell e Walt Dohrn, basato sulle Troll dolls ideate da Thomas Dam, ha come protagonisti La Principessa Poppy e Branch, rispettivamente doppiati da Anna Kendrick e Justin Timberlake. Tra gli altri doppiatori del film anche: Gwen Stefani, James Corden, Russell Brand, Icona Pop, Kunal Nayyar, Ron Funches e GloZell.
Tutto ha inizio da un‘epica avventura che vede la Principessa Poppy unire le forze con Branch  avventurandosi ben oltre il mondo a loro conosciuto per salvare il re della Foresta dei Troll, che è stato rapito. Questa ricerca metterà a dura prova la loro forza e svelerà il mito di come i troll sono venuti in possesso dei loro capelli dai vivaci colori.
LA PELLE DELL’ORSO di M. Segato
Siamo negli anni ’50. Pietro (Marco Paolini) è un uomo burbero sulla cinquantina, che lavora in una cava nelle Dolomiti italiane. Il suo abuso di vino e la sua natura riservata lo hanno rapidamente trasformato nello zimbello del paese. È severo con il figlio Domenico (Leonardo Mason), e dopo la morte della madre, il loro rapporto è diventato sempre più difficile. Una notte, mentre è seduto al suo solito bar tracannando vino, Pietro sente il suo spietato e arrogante capo Crepaz (Paolo Pierobon) parlare del “diavolo”, un orso che da tempo minaccia il villaggio e preda il bestiame, provocando paura e apprensione tra la popolazione. Stanco di essere denigrato dai compaesani, Pietro fa una proposta a Crepaz: ucciderà l’orso in cambio di 600.000 lire, ma se fallisce dovrà lavorare senza paga per un anno intero. All’alba, contro ogni previsione, Pietro parte per la foresta, determinato a dimostrare il suo valore e a riguadagnarsi l’orgoglio con un gesto eroico finale.
Segato debutta con una storia di formazione che affronta il delicato rapporto padre-figlio tra un sempliciotto e il suo fragile figlio, timidissimo, che non sa quasi niente della sua defunta madre. Fin dall’inizio, il regista crea ambienti arcaici e rurali e, con l’aiuto della direttrice della fotografia Daria D’Antonio (che ha lavorato con Massimo Coppola, Valeria Golino e Pietro Marcello in passato), immerge lo spettatore in un passato in cui la virilità di un uomo e la sua reputazione nella comunità erano tutto ciò che aveva.

Il 13 novembre 2016 alle 19.45 il regista del film MARCO SEGATO incontrerà il pubblico prima della proiezione delle 20.30.

L’ETA’ DELL’ORO (il balletto del Bolshoi)
di Dmitri Shostakovich
In una città sul mare, dove prosperano affari loschi e criminalità, il cabaret de L’Età dell’oro è  il ritrovo notturno preferito di ballerini, banditi e giovani gozzovigliatori.
Il  giovane  pescatore  Boris  si  innamora  di  Rita,  una  bellissima  ballerina  che  però  è  anche l’amica di uno dei gangster locali….

EDDIE THE EAGLE di D. Fletecher

Ispirato alla vera storia di Eddie Edwards, il film narra la scalata di un insolito atleta che vuole raggiungere il suo sogno: gareggiare per il salto con gli sci e rappresentare la Gran Bretagna alle Olimpiadi Invernali. 1973, il piccolo Eddie, nonostante i suoi problemi fisici e i genitori che continuamente si oppongono, coltiva il sogno di gareggiare nella più prestigiosa delle competizioni, le Olimpiadi. Crescendo scopre la disciplina del salto con gli sci, una categoria ormai abbandonata dall’Inghilterra, e decide di candidarsi per le qualifiche in Germania e rappresentare la Gran Bretagna alle Olimpiadi di Calgary del 1988.
Eddie the Eagle è un biopic e un film sportivo, ma questa volta il protagonista è un ragazzo normale, come diremmo oggi un nerd che diventa un eroe, superando una sfida quasi impossibile, spinto dalla sua grande forza di volontà e da un allenatore fuori dagli schemi: l’ex campione Chuck Berghorn (Hugh Jackman)…..

Programmazione Cinema Italia dal 31-08 al 04-09

mercoledì 31 agosto:
ore 18.30/21 – STAR TREK BEYOND (€ 5)
venerdì 2 settembre:
ore 18.30/21 – MA MA (tutto andrà bene)
sabato 3 settembre:
ore 18.30 – MA MA (tutto andrà bene)
ore 21 – STAR TREK BEYOND
domenica 4 settembre:
ore 18.30 – STAR TREK BEYOND
ore 21 – MA MA (tutto andrà bene)
martedì 6 settembre:
ore 18.30 – IL DRAGO INVISIBILE (€ 4)
ore 21 – GLI INVISIBILI (€ 5)
mercoledì 7 settembre:
ore 18.30 – STAR TREK BEYOND (€ 4)
ore 21 – GLI INVISIBILI (€ 5)  
STAR TREK BEYOND di Justin Lin
James Kirk e l’equipaggio della USS Enterprise raggiungono la stazione spaziale Yorktown, appena completata e pronta a ospitare milioni di persone. Di fronte a una richiesta di aiuto, Kirk decide di intervenire per scoprire cosa si nasconde al di là di una nebulosa. Scoprirà di essere atteso con ansia da forze ostili.
Ultima proiezione 7 settembre ore 18.30 (€ 4).
http://www.cinematografo.it/cinedatabase/film/star-trek-beyond/60720/
MA MA – tutto andrà bene di Julio Medem
Magda è una giovane madre di un ragazzino che gioca molto bene a calcio. Nello stesso arco di tempo perde il lavoro, il marito la lascia per una studentessa e lei scopre di avere un tumore al seno che ne richiede l’asportazione. A sostenerla nella lotta contro il male saranno il suo ginecologo e Arturo, un ex calciatore (ora ricercatore di talenti) conosciuto mentre assisteva a una partita del figlio.
http://www.cinematografo.it/cinedatabase/film/ma-ma—tutto-andr-bene/61062/
GLI INVISIBILI di Oren Moverman
George è un senzatetto, ma non lo ammette nemmeno con se stesso. La sua esistenza è un’odissea che si consuma nella ricerca di qualcosa da bere e mangiare e di un letto per dormire, in una New York che è il luogo più idoneo a generare e perpetuare l’esistenza di chi si appoggia ad un sistema sociale che assiste ma non aiuta, perché ragiona solo in termini di numeri, scartoffie e gradi di temperatura (sotto una certa soglia, a Manhattan, non si ha diritto a soggiornare in un pronto soccorso, se non si ha di dove andare).
http://www.cinematografo.it/cinedatabase/film/gli-invisibili/59097/

Attività estive

Come ogni anno gli Educatori e don Michele si prodigano per regalare esperienze mozzafiato ai vostri figli!! Ecco le proposte per quest’anno:

Dal 12 al 25 giugno il “DOLOinGREST” per i ragazzi dalla prima elementare alla seconda media!
Quest’anno due settimane di intense giornate con attività, giochi, scenette e gite stupefacenti. Tutto il giorno, mattina e pomeriggio, da lunedì a venerdì, per entusiasmanti avventure.Proponiamo un inizio con i fuochi d’artificio: Domenica 12 giugno dalle ore 11.30 tutti i ragazzi e i loro genitori sono invitati all’ufficiale apertura del DOLOinGREST con l’eucaristia insieme in Chiesa, lo spostamento nei nuovi locali del GrEst, il pic-nic familiare e le prime avventure.
Gli animatori sono tanti e già non vedono l’ora di stare con voi, ragazzi! Da dopo Pasqua le informazioni con il dettaglio dei giorni, delle iniziative e del costo, in centro parrocchiale o da don Michele (348-0541232).

da domenica 25 giugno a sabato 2 luglio il GRESTONE per i ragazzi di terza media (appena finiti gli esami) e di prima superiore: pomeriggi e serate spettacolari, gite avventurose, ospiti straordinari per stare insieme e vivere un GREST…ONE! Informazioni e segreti da don Michele.

Camposcuola estivi:

ACR www.parrocchiadolo.it/acr

dal 4 al 7 agosto per i ragazzi di 1^ 2^ 3^ elementare a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 21 al 28 agosto per i ragazzi di 4^ e 5^ elementare a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 21 al 28 agosto per i ragazzi di I e II media a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

GIOVANI www.parrocchiadolo.it/gruppo-giovanissimi

dal 16 al 23 luglio per i ragazzi di III media e I superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 3 al 10 settembre per i ragazzi di II e III superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 4 al 7 agosto per i ragazzi di IV e V superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 25 luglio all’1 agosto per i giovani dai 17 anni in su la GMG (Giornata Mondiale della Gioventù) a Cracovia (info da don Michele) 

PS: anche se le date coincidono, ogni fascia d’età godrà della sua indipendenza e della sua casa, proprio per far vivere al meglio l’esperienza ai ragazzi in base alle esigenze che ogni età richiede!

Per info e iscrizioni vi aspettiamo in Centro Parrocchiale dall’8 maggio!!

Cosa aspetti, CORRI!!!!

attività estive

Come ogni anno gli Educatori e don Michele si prodigano per regalare esperienze mozzafiato ai vostri figli!! Ecco le proposte per quest’anno:

Dal 12 al 25 giugno il “DOLOinGREST” per i ragazzi dalla prima elementare alla seconda media!
Quest’anno due settimane di intense giornate con attività, giochi, scenette e gite stupefacenti. Tutto il giorno, mattina e pomeriggio, da lunedì a venerdì, per entusiasmanti avventure.Proponiamo un inizio con i fuochi d’artificio: Domenica 12 giugno dalle ore 11.30 tutti i ragazzi e i loro genitori sono invitati all’ufficiale apertura del DOLOinGREST con l’eucaristia insieme in Chiesa, lo spostamento nei nuovi locali del GrEst, il pic-nic familiare e le prime avventure.
Gli animatori sono tanti e già non vedono l’ora di stare con voi, ragazzi! Da dopo Pasqua le informazioni con il dettaglio dei giorni, delle iniziative e del costo, in centro parrocchiale o da don Michele (348-0541232).

da domenica 25 giugno a sabato 2 luglio il GRESTONE per i ragazzi di terza media (appena finiti gli esami) e di prima superiore: pomeriggi e serate spettacolari, gite avventurose, ospiti straordinari per stare insieme e vivere un GREST…ONE! Informazioni e segreti da don Michele.

Camposcuola estivi:

ACR www.parrocchiadolo.it/acr

dal 4 al 7 agosto per i ragazzi di 1^ 2^ 3^ elementare a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 21 al 28 agosto per i ragazzi di 4^ e 5^ elementare a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 21 al 28 agosto per i ragazzi di I e II media a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

GIOVANI www.parrocchiadolo.it/gruppo-giovanissimi

dal 16 al 23 luglio per i ragazzi di III media e I superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 3 al 10 settembre per i ragazzi di II e III superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 4 al 7 agosto per i ragazzi di IV e V superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 25 luglio all’1 agosto per i giovani dai 17 anni in su la GMG (Giornata Mondiale della Gioventù) a Cracovia (info da don Michele) 

PS: anche se le date coincidono, ogni fascia d’età godrà della sua indipendenza e della sua casa, proprio per far vivere al meglio l’esperienza ai ragazzi in base alle esigenze che ogni età richiede!

Per info e iscrizioni vi aspettiamo in Centro Parrocchiale dall’8 maggio!!

Cosa aspetti, CORRI!!!!

Attività estive

Come ogni anno gli Educatori e don Michele si prodigano per regalare esperienze mozzafiato ai vostri figli!! Ecco le proposte per quest’anno:

Dal 12 al 25 giugno il DOLOinGREST per i ragazzi dalla prima elementare alla seconda media!
Quest’anno due settimane di intense giornate con attività, giochi, scenette e gite stupefacenti. Tutto il giorno, mattina e pomeriggio, da lunedì a venerdì, per entusiasmanti avventure.Proponiamo un inizio con i fuochi d’artificio: Domenica 12 giugno dalle ore 11.30 tutti i ragazzi e i loro genitori sono invitati all’ufficiale apertura del DOLOinGREST con l’eucaristia insieme in Chiesa, lo spostamento nei nuovi locali del GrEst, il pic-nic familiare e le prime avventure.
Gli animatori sono tanti e già non vedono l’ora di stare con voi, ragazzi! Da dopo Pasqua le informazioni con il dettaglio dei giorni, delle iniziative e del costo, in centro parrocchiale o da don Michele (348-0541232).

da domenica 25 giugno a sabato 2 luglio il GRESTONE per i ragazzi di terza media (appena finiti gli esami) e di prima superiore: pomeriggi e serate spettacolari, gite avventurose, ospiti straordinari per stare insieme e vivere un GREST…ONE! Informazioni e segreti da don Michele.

Camposcuola estivi:

ACR www.parrocchiadolo.it/acr

dal 4 al 7 agosto per i ragazzi di 1^ 2^ 3^ elementare a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 21 al 28 agosto per i ragazzi di 4^ e 5^ elementare a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 21 al 28 agosto per i ragazzi di I e II media a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

GIOVANI www.parrocchiadolo.it/gruppo-giovanissimi

dal 16 al 23 luglio per i ragazzi di III media e I superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 3 al 10 settembre per i ragazzi di II e III superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 4 al 7 agosto per i ragazzi di IV e V superiore a Forni Avoltri (UD), presso la struttura della GeTur in una casa in autogestione

dal 25 luglio all’1 agosto per i giovani dai 17 anni in su la GMG (Giornata Mondiale della Gioventù) a Cracovia (info da don Michele) 

PS: anche se le date coincidono, ogni fascia d’età godrà della sua indipendenza e della sua casa, proprio per far vivere al meglio l’esperienza ai ragazzi in base alle esigenze che ogni età richiede!

Per info e iscrizioni vi aspettiamo in Centro Parrocchiale dall’8 maggio!!

Cosa aspetti, CORRI!!!!

MIA MADRE – 17 maggio ore 21

“(…) (Giulia Lazzarini, miracolo di levità e profondità) mette tutti di fronte ai propri limiti, riapre antiche ferite, crea continue occasioni di inadeguatezza, comiche e insieme tragiche come in tutto Moretti. (…) mentre il caos del set e quello dell’esistenza si sommano in un unico vortice, quella signora soave, ex professoressa di latino, amatissima dagli ex allievi e dalla nipotina liceale, che capisce molto meglio della madre, declina, riceve annoiandosi un poco gli amici di sempre, perde pian piano le sue facoltà, si prepara a suo modo all’ultimo viaggio, magari sognando di passeggiare nel giardino dell’ospedale (un po’ come Roberto Herlitzka-Aldo Moro in ‘Buongiorno, notte’ di Bellocchio, curiosamente). Lasciando ai figli, e alla figlia in particolare, il peso di quel presente che non capiscono e forse non amano (quelle comparse, così diverse dagli operai ideali della Buy…). Ma anche alcuni insegnamenti spigolosi che emergono nelle scene più belle di questo film straordinario, straziato e sommesso, stranamente pacificato, sempre attento a mantenere la giusta distanza dal suo soggetto incandescente, ma destinato a scavare nello spettatore a lungo dopo la visione. Come i classici latini della biblioteca materna, che la figlia accarezza in un gesto solo e finalmente d’amore.”
(Fabio Ferzetti, ‘Il Messaggero’, 14 aprile 2015)
– IN CONCORSO AL 68. FESTIVAL DI CANNES (2015).

– CANDIDATO AI DAVID DI DONATELLO 2015 PER: MIGLIOR FILM, REGISTA, SCENEGGIATURA, PRODUTTORE, ATTRICE PROTAGONISTA (MARGHERITA BUY), ATTRICE NON PROTAGONISTA (GIULIA LAZZARINI), ATTORE NON PROTAGONISTA (NANNI MORETTI), TRUCCATORE (ENRICO IACOPONI), MONTATORE, FONICO DI PRESA DIRETTA.